Condividi
Tweet
Titolo Autore Genere Anno Voto
Cerca per:

 

STAZIONE ROSSA

Idea: 4/5 Trama: 2/5 Stile: 4/5

Titolo Originale: ON A RED STATION, DRIFTING
Autore: Aliette de Bodard
Anno: 2012
Genere: Space Opera
Edizione: DelosBooks – Odissea n.63

 

 

 

Commento:
Il romanzo è ambientato in un futuro imprecisato in cui l'uomo ha compiuto i primi passi verso la conquista dello spazio, colonizzando ventitrè pianeti. L'umanità intera, almeno apparentemente, sembra essere organizzata in un unica entità politica, l'impero del Dai Viet, e l'intera civiltà è basata su modelli culturali e di comportamento tipici delle civiltà orientali.
I tratti fondamentali che caratterizzano il contesto sociale e le relazioni tra i personaggi dell'opera sono il senso della gerarchia, dell'autorità e l'ossessivo rispetto delle formalità. L'intera vita di una persona è determinata, in giovane età, dal suo curriculum scolastico. Senza distinzioni di sesso, ragazzi e ragazze studiano duramente per prepararsi ai molti esami che se, sorpassati, aprono le porte verso gradi sempre più alti della macchina burocratica imperiale. Chi fallisce tali prove è condannato a condurre una vita all'ombra del proprio coniuge, diventando partner secondario all'interno del matrimonio, nella maggior parte dei casi deciso a tavolino dalle famiglie senza che i futuri coniugi abbiano mai scambiato più di qualche parola.
Da tradizione orientale, grande importanza rivestono lo studio dei classici: citazioni o rimandi alle opere classiche sono continuamente utilizzati non solo nei discorsi ufficiali ma anche quotidianamente per esprimere stati d'animo o opinioni che non possono essere comunicate direttamente all'interlocutore, rispettando l'ossessiva attenzione riposta nella cortesia formale all'interno dei rapporti.
Anche la tecnologia è utilizzata in simbiosi con i tratti cuturali dominanti. Gli antenati, cui tradizionalmente le civiltà orientali tributano onori e culto, rivivono ora all'interno delle menti stesse degli uomini e donne più altolocate sotto forma di impianti memo per fornire continuamente loro opinioni e consigli.
Le vicende narrate sono ambientate a bordo di una stazione spaziale, la Stazione Prosperità, mentre la periferia dell'Impero è sconvolta dalla guerra, con truppe di feudatari ribelli che attaccano i soldati imperiali. Stazione Prosperità è governata da una Intelligenza Artificiale, l'Onorevole Antenata, che è in contatto continuo con le menti di tutti coloro che sono a bordo, una presenza che dà sicurezza e protezione per alcuni, per altri invece una prigione. Su Stazione Prosperità troverà rifugio Linh, precedenemente magistrato di uno dei pianeti invasi, la cui permanenza sulla stazione sarà segnata dal difficile rapporto con Quyen, una donna con modesta istruzione che si è ritrovata amministratrice della stazione dopo la partenza di suo marito in guerra. Il futuro di Prosperità risulterà però in bilico per minacce sia interne che esterne e che soltanto nelle ultime pagine della novella troveranno risposta.
L'opera ha una forte dose di originalità nell'ideazione di uno scenario storico davvero singolare che ritrae la costruzione di un impero umano nello spazio con connotati orientali quando, come sappiamo, nella quasi totalità dei casi l'espansione dell'uomo nel cosmo viene vista, ovviamente, sotto l'egida della civiltà occidentale. L'autrice è molto abile nella riproporre i tratti tipici della società e della cultura orientale riadattandoli ad un contesto fantascientifico senza cadere in descrizioni didascaliche o che possano essere percepite come inutili ai fini della narrazione, ma anzi fondamentali per seguire la stessa. L'intreccio è l'unico punto debole dell'opera, a mio giudizio, con un finale un po' deludente e semplicistico; di difficile comprensione è in particolare l'inaspettata evoluzione del rapporto tra le due donne protagoniste nelle ultime pagine della novella. Nonostante questo siamo comunque di fronte ad una lettura molto interessante, soprattutto per le caratteristiche di originalità che abbiamo evidenziato e che consigliamo quindi a qualunque amante della fantascienza.

Trama (attenzione spoiler!):
Linh, magistrato del Ventitreesimo Pianeta dell'Impero, trova rifugio sulla Stazione Prosperità, dove abitano diversi suoi parenti, convinta dal suo assistente a fuggire prima dell'attacco finale delle truppe di ribelli. Su di lei pende anche una potenziale ritorsione imperiale per aver scritto direttamente all'Imperatore denunciando l'incapacità dei suoi consiglieri e della necessità di intervenire prontamente a sedere le ribellioni.
Arrivata sulla nave, Linh fa conoscenza della cugina Quyen, amministratrice di Prosperità, e dell'Intelligenza Artificiale che la governa, l'Onorevole Antenata. Le due donne, così diverse per cultura ed educazione, non si sopportano vicendevolmente, soprattutto dopo che Linh si lamenta apertamente con la cugina riguardo la mansione che le è stata affidata (insegnante per due ragazzine) che non ritiene adeguata al suo rango e alla sua preparazione.
Linh fa amicizia con un altro cugino, Huu Hieu. Quest'ultimo sembrerebbe aver venduto gli impianti memo degli antenati per debiti di gioco ma la somma guadagnata appare troppo grande rispetto all'importo delle scommesse. Mentre Quyen indaga sulla cosa, l'uomo confida a Linh di avere in progetto di abbandonare Prosperità fuggendo con un'amante, ormai convinto della morte della moglie, che manca dalla stazione da molto tempo.
L'Onorevole Antenata intanto sta mostrando segnali di malfunzionamento, che vengono riconosciuti come tali anche da Dama Oanh, Gran Maestro dell'Armonia del Disegno, ovvero costruittrice di Intelligenze Artificiali, una importantissima gerarca della burocrazia imperiale arrivata in visita sulla nave. Dama Oanh conferma anche a Linh che il suo rapporto è stato notato alla corte imperiale ma al tempo stesso le dà speranza suggerendole che potrebbe avere degli alleati anche a corte.
Quyen è desiderosa di imbastire un banchetto che onori la visita di Dama Oanh, sperando che questa possa aiutare la comunità riparando l'Onorevole Antenata. Per fare questo si umilia chiedendo aiuto anche a Linh, che dovrebbe comporre alcune poesie per allietare il pranzo. Linh scopre però come Quyen abbia bloccato un messaggio speditole dal suo fedele aiutante prima di morire per mano dei ribelli sul Ventitreesimo Pianeta e per vendicarsi compone durante il banchetto una poesia scandalosa che, nonostante non fosse la sua intenzione conscia, rivela a tutti il piano segreto del cugino Huu Hieu.
Nonostante lo scandalo, Dama Oanh, scopre il malfunzionamento dell'Onorevole Antenata suggerendo le operazioni da intraprendere, operazioni che comporterebbe la cancellazione della memoria dell'Intelligenza Artificiale almeno per l'ultima generazione di abitanti della stazione. Prima di lasciare la stazione, inoltre, Dama Oanh rivela a Quyen l'arrivo della Guardia Ricamata, il terribile corpo speciale dell'esercito Imperiale, col compito di trovare e punire i traditori e, nei casi più gravi, anche i loro parenti.
La Guardia Ricamata arriva effettivamente e prende in consegna Linh. Il magistrato però spiega loro di essersi imbarcata clandestinamente sulla nave e la sua versione viene confermata dall'Onorevole Antenata, il cui malfunzionamento in un certo qual modo le consente quindi di mentire. In questa maniera tutti i parenti di Linh sulla nave sono salvi e, in un ultimo saluto, Linh e Quyen dimenticano le vecchie distanze e si salutano fraternamente. Prima dell'incontro, inoltre, Linh fa recapitare alla cugina gli impianti memo di Huu Hieu, trovati nella casa di un precettore che li aveva comprati per aiutare i suoi studenti a superare gli esami.