Condividi
Tweet
Titolo Autore Genere Anno Voto
Cerca per:

 

L'ORBITA SPEZZATA

Idea: 4/5 Trama: 3/5 Stile: 3/5

Titolo Originale: THE JAGGED ORBITY
Autore: John Brunner
Anno: 1969
Genere: FS Sociologica
Edizione: La Tribuna – Science Fiction Book Club n.7

 

Commento:
Il razzismo è il tema principale di questa distopia ma la trama dell’opera, molto articolata, finisce per trattare una moltitudine di temi tra loro differenti: dal commercio di armi alla psicologia, dai media all’intelligenza artificiale. Opera sicuramente consigliata in cui Brunner conferma la sua bravura nei ritratti sociali anche se l’intreccio si rivela a volte un po’ contorto.

Trama (attenzione spoiler!):
Nell'anno 2014, lo stato federale degli Stati Uniti ha perso gran parte dei poteri, passati in mano ai singoli municipi e riserve negre. Il razzismo dilaga non soltanto in America ma in tutto il mondo, a tutto vantaggio dei fabbricanti di armi: la terribile corporazione dei Gottschalk. Intanto la nuova moda della psicanalisi non fa che aggravare le condizioni della società spingendola verso un individualismo sempre più sfrenato. 
Alcune fazioni dei Gottshalk stanno per immettere sul mercato nuove terribili armi, come al solito prima a basso prezzo per i negri, per poi sfruttare la paura dei bianchi rivendendole loro a prezzo maggiorato. Il nuovo super cervello elettronico dei Gottshalk intuisce però il rischio che la stessa corporazione corre: tutti coloro che potrebbero, grazie ai propri mezzi finanziari, entrare in possesso di queste nuove armi rischiano di essere eliminati dagli stessi vicini di casa in via precauzionale; in altre parole i Gottshalk rischiano di spazzare via la propria clientela! Una parte di questo supercervello è inserito in un robot dalle sembianze umane, Medison, che è ricoverato in un grande ospedale psichiatrico sotto la guida del famoso dottor Elias Mogshack. Medison viene in contatto con Lyla Clay, una pitonessa ovvero una persona che grazie all’uso di droghe riesce a fornire in stato inconscio strane previsioni, Matthew Flamen, un “cantachiaro” ovvero una specie di giornalista d’inchiesta che conduce una popolare rubrica televisiva, la cui moglie è ricoverata nel medesimo ospedale di Medison e James Reedeth, un giovane psichiatra che disapprova i metodi di Mogshack.