Condividi
Tweet
Titolo Autore Genere Anno Voto
Cerca per:

 

OLTRE L'INVISIBILE

Idea: 2/5 Trama: 2/5 Stile: 3/5

Titolo Originale: TIME AND AGAIN
Autore: Clifford Simak
Anno: 1951
Genere: Innerspace SF
Edizione: Mondadori – Urania Millemondi Estate 1974 (ant.)

 

Commento:
Il protagonista è messaggero di un messaggio di uguaglianza e fraternità tra tutte le specie viventi ma viene risucchiato in un gioco di potere spazio-temporale condotto da diverse fazioni che vogliono distruggere o modificare in parte ciò che ha scritto / deve ancora scrivere. “Oltre l’Invisibile” è uno dei lavori di Simak che ho apprezzato di meno, forse perché lo statunitense ha abbandonato la linearità e la semplicità tipica delle sue opere immergendo il personaggio in un paradosso temporale, tema non consono allo stile di scrittura e all’espressività di Simak.

Trama (attenzione spoiler!):
Nel profondo futuro, dove si conosce anche il viaggio nel tempo, una guerra sotterranea è in corso tra uomini e androidi. C’è un libro, scritto da Sutton, che parla dell’esistenza di un destino per tutte le forme viventi. Alcuni uomini vogliono ucciderlo, i revisionisti vogliono invece che il destino sia riservato solo all’uomo e non a tutte le specie viventi, in modo da donare all’umanità l’intero universo, una terza fazione composta da uomini e androidi al contrario vogliono preservare il messaggio originale. Sutton, di ritorno dal viaggio che l’ha portato sul pianeta del Cigno dove ha conosciuto i “destini” e dove è stato dotato di un nuovo corpo e una nuova mente invincibili, si ritrova così coinvolto in questo gigantesco gioco spazio-temporale e decide, contro le accuse di tradimento verso l’umanità portate dai revisionisti, di scrivere il suo libro “originale”