Condividi
Tweet
Titolo Autore Genere Anno Voto
Cerca per:

 

ISOLE

Idea: 3/5 Trama: 3/5 Stile: 4/5

Titolo Originale: ISLANDS
Autore: Eric Flint
Anno: 2002
Genere: Ucronia
Edizione: Antologia I Signori della Guerra

 

Commento:
Le vicende dell’opera sono ambientate in uno scenario di storia alternativa che vede romani del tardo impero (un personaggio è il famoso generale bizantino Belisario), apparentemente ancora integro e al sicuro dalle invasioni barbariche, in possesso di alcune tecnologie provenienti dal futuro anche se il come questo sia potuto accadere è appena accennato. I romani e i loro alleati persiani sono in guerra con un popolo dell’India, guidati da un misterioso personaggio proveniente anch’egli dal futuro; le vicende belliche si incrociano con la storia personale di una coppia di giovanissimi sposi della corte imperiale di Bisanzio. L’ambientazione storica alternativa, anche se appena accennata, così come l’intreccio dell’opera sono validi e, affiancati da uno stile di scrittura di livello, fanno del romanzo breve una lettura gradevole e consigliata.

Trama (attenzione spoiler!):
Calopodius è un nobile bizantino di diciotto anni che ha seguito Belisarius nel Punjab, dove romani e persiani stanno combattendo contro il popolo indiano del Malwa, guidati da Link, l’emissario dei nuovi dei del futuro. Diventato cieco in seguito ad un colpo di cannone, una delle tante tecnologie del futuro importate da Link e da Belisarius attraverso il cosiddetto Talismano di Dio, Calopodius si dedica alla scrittura di una grande opera, redatta secondi i canoni della retorica classica nel quale il giovane ufficiale eccelle, che racconti le battaglie di Belisarius e di brevi commentari giornalieri che in breve tempo acquistano grande fama e sono letti nell’intero Impero, Roma compresa. E’ raggiunto nel suo bunker di battaglia da sua moglie Anna, i due si erano appena sposati quando Calopodius è partito, che affronta il lungo viaggio durante il quale fonda una specie di ordine ospedaliero imponendo a tutti gli ospedali militari di rispettare le norme igieniche, come la bollitura degli strumenti chirurgici, che il Talismano di Dio aveva raccomandato a Belisarius.