Condividi
Tweet
Titolo Autore Genere Anno Voto
Cerca per:

 

IL GIORNO DEL LORO RITORNO

Idea: 3/5 Trama: 4/5 Stile: 5/5

Titolo Originale: THE DAY OF THEIR RETURN
Autore: Poul Anderson
Anno: 1975
Genere: FS Sociologica
Edizione: Editrice Nord – Cosmo Argento n.135

 

Commento:
Con il suo consueto alto standard stilistico, Anderson descrive, attraverso i vagabondaggi del personaggio principale dell’opera, le società e le usanze dei popoli che abitano Aeneas, un pianeta di frontiera dell’universo della “Lega Polisotecnica” (N.B. il romanzo è comunque totalmente autosufficiente) dove si mischiano intrighi locali con interessi di misteriosi imperi alieni. Lettura godibile, grazie soprattutto alla scrittura fluida dell’autore e alla sua maestria nel tradurre in parole atmosfere, modi di vivere e di pensare diversi tra loro.

Trama (attenzione spoiler!):
Aeneas è un pianeta alla frontiera dell’Impero Terrestre, in cui sono presenti rovine lasciate in era antichissima da misteriosi alieni: i Costruttori. Ivar, il futuro capo del pianeta, partecipa ad un attentato contro le truppe terrestri e deve iniziare un vagabondaggio in incognito per sfuggire alla cattura. Soggiorna presso i nomadi, dove incontra un alieno Ythriano, in realtà al soldo dell’Impero, che diventerà suo grande amico; poi presso il popolo di navigatori sul fiume e infine arriva alla zona delle rovine. Qui incontra il misterioso profeta che da tempo promette il riscatto di Aeneas e che sostiene di essere in contatto con la mente di uno degli antichi Costruttori che, secondo lui, vogliono far progredire l’umanità. In realtà questo profeta è stato telepaticamente soggiogato da uno dei Costruttori ma essi non hanno alcun fine altruista verso l’umanità: questo alieno è soltanto una spia al soldo di Merseia, un impero rivale dei terrestri, e ha il compito di fomentare la rivolta del pianeta contro la Terra (in realtà potrebbe essere Merseia ad essere manipolato dai Costruttori). L’Ythriano muore per mano dell’alieno; Ivar riesce invece a sfuggirgli e ristabilisce la pace con il governatore imperiale locale.