Condividi
Tweet
Titolo Autore Genere Anno Voto
Cerca per:

 

IL FIUME DEGLI DEI

Idea: 5/5 Trama: 3/5 Stile: 4/5

Titolo Originale: RIVER OF GODS
Autore: Ian McDonald
Anno: 2004
Genere: Cyberpunk
Edizione: Mondadori – Urania Jumbo n.40

 

 

Commento:
Il romanzo è ambientato nell'India della metà del XXI secolo. Il paese è diviso in diversi stati a seguito di un non precisato processo di disgregazione e la maggior parte dell'azione si svolge all'interno di uno di essi: il Bharat, guidato dall'ambizioso governo della famiglia Rana (una sorta di nuova dinastia Ghandi). L'intera penisola è piegata da una grave siccità, mentre tutti aspettano e sperano che l'iceberg trasportato fin dentro il Gange dal governo del Bengala innesci il nuovo monsone. Nel frattempo aumentano le tensioni tra il Bharat e l'Awadh (lo stato meridionale che ha come capitale Delhi) per il controllo di una diga sul fiume sacro.
Anni di manipolazione delle nascite, non è ben chiarito in che modalità, hanno portato ad una profonda asimmetria nella proporzione tra uomini e donne. E' così l'uomo ora a dover pagare la dote e in generale a dover combattere una fortissima concorrenza per contrarre matrimonio, specialmente se vuole trovare una moglie all'interno della sua stessa casta. La fascia più ricca della popolazione può permettersi di avere figli geneticamente modificati per vivere più a lungo, i bramini, giovani dall'aspetto di bambini. Nel mentre, l'intera popolazione è ossessionata da una specie di soap opera: "Town and Country", i cui attori sono Intelligenze Artificiali ma ben meno innocue di quanto possa sembrare in apparenza...
La legge Hamilton ha vietato negli USA la IA superiori al livello 2.0 (la soglia di superamento del test di Turing). Il Bharat però non ha accolto totalmente ne norme anti IA e così l'India è così diventata una specie di porto franco per tutte le tecnologie che coinvolgono IA di livello avanzato. Le IA sono parte integrante ormai di ogni tipo di attività: dai mercati finanziari ai banali impianti di condizionamento. E, nonostante i controlli e la caccia serrata che è stata loro data, sopravvivono ancora tre IA di livello 3, dotate di una intelligenza inconcepibile per gli umani e in possesso di un potere praticamente assoluto che esercitano tramite complicati sistemi di scatole cinesi popolate da società, fondi, trust...
Nel frattempo, nello spazio, è stato ritrovato un incredibile manufatto alieno, più antico del sistema solare stesso, soprannominato il "Tabernacolo". Cercando di entrare in comunicazione con esso, gli scienziati terrestri ricevono le immagini digitali di un uomo e una donna, Lisa Durnau e Thomas Lull, i due creatori di "Alterre", un esperimento di vita artificiale, evolutosi dalla logica degli automi cellulari. Lull è da anni fuggito in India nel più completo anonimato; sarà compito di Lisa rintracciarlo per tentare di spiegare l'incredibile fenomeno.
Questi sono solo due dei numerosi personaggi del romanzo,le cui vicende parallele, sono utilizzate dall'autore per descrivere l'intero contesto sociale e politico in cui i fatti narrati sono ambientati. Ci sono Tal, il nute (la cyber-evoluzione dei transgender) utilizzato in una cospirazione politica ai danni di Shaheen Badoor Khan, il potente segretario del primo ministro del Bharat, Sajida Rana; Nandha, una Mano di Krishna, la potente polizia informatica del Bharat, dedito anima e corpo nel compito di scomunicare, ovvero distruggere, le IA senzienti; Vishram Ray, un comico che si ritrova proprietario di una delle più importanti aziende energetiche indiane; Ajmer Rao, apparentemente una semplice ragazza orfana che cela in realtà un incredibile segreto...
Il romanzo ha un intreccio molto complesso e per il lettore risulta difficile seguire i numerosi, forse troppi, filoni della trama e relativi personaggi, che soltanto nelle fasi finali dell'opera convergono verso il finale con un crescendo di rivelazioni più o meno inaspettate. Molto interessante è la commistione tra scienza moderna, misticismo e mitologia indiani sia nei temi trattati che nel vocabolario utilizzato anche se l'utilizzo diretto di numerosi vocaboli indiani non tradotti (al termine del volume è posto il relativo glossario) e di interpretazione non immediata può irritare il lettore meno paziente. Il tema principale, il confronto tra l'uomo e l'intelligenza artificiale che raggiunge l'autocoscienza, è tipico del cyberpunk ma il contesto geografico, storico e politico creato, nonchè i tanti elementi accessori inseriti conferiscono all'opera una ventata di originalità. Proprio per questo motivo la lettura, non facile, comunque è sicuramente caldamente raccomandata.

Trama (attenzione spoiler!):
Nell'India piegata dalla sete, il Bharat è ai ferri corti con il suo confinante meridionale: l'Awadh, alleato degli Stati Uniti. Al suo interno, il governo di Sajida Rana è minacciato da un agitatore, Jivanjee, e dal suo movimento, lo Shivaji Party, vicino agli estremisti induisti. Shaheen Badoor Khan, il segretario del primo ministro, consiglia di adottare un comportamento pacifico lasciando che sia Jivanjee a trascinare il Bharat verso la guerra, ma gli altri ministri lo accusano di codardia.
Con la copertura di missioni esplorative verso un pianeta extrasolare di tipo terrestre, sono stati stabiliti i contatti con un misterioso asteroide la cui orbita suggeriva l'esistenza di una forza artificiale. Al suo interno gli scienziati hanno trovato un oggetto sferico impenetrable la cui superficie cangiante è costituita da schemi di automi cellulari in rapidissima evoluzione. L'unica informazione proveniente dall'oggetto sono tre fotografie in formato digitale: le prime due appartengono a due noti scienziati, un tempo anche amanti, Lisa Durnau e Thomas Lull, i creatori di "Alterre", un esperimento di vita ed evoluzione artificiali, seppur ritratti con tratti lievemente differenti dal loro aspetto presente o passato; il terzo volto appartiene invece ad una ragazza sconosciuta. Lisa Durnau viene così incaricata di recarsi in India e rintracciare Lull, fuggito lì dagli USA con la copertura dell'anonimato.
Lull intanto si è imbattuto in Ajmer Rao, una misteriosa ragazza che sembra essere in possesso di poteri straordinari: grazie a quelli che lei chiama "dei" ella è in grado di avere accesso in tempo reale ad ogni tipo di dato e informazione. Aj afferma di stare cercando i suoi genitori naturali ed è in possesso di una loro foto, pervenutale da uno studio di avvocati di Varanasi, la capitale del Bharat, mentre sono ritratti con Lull stesso. Lo scienziato afferma inizialmente di non conoscerli ma successivamente confessa a Aj di sapere chi siano: due scienziati di vita artificiale, trasferitisi in India dopo la promulgazione in Occidente delle norme restrittive sulle Intelligenze Artificiali. Lull però spiega anche ad Aj come sia impossibile che siano loro i suoi genitori naturali in quanto la donna era priva di utero fin dalla nascita.
Gli stessi due scienziati vengono trovati morti carbonizzati a causa di un impulso laser partito da un drone camuffatosi all'interno di uno scontro di frontiera aereo tra truppe di Awadh e Bharat. Ad indagare sulla vicenda è Nandha, una Mano di Krishna, la potente polizia informatica del Bharat, che scopre come a compiere l'azione è stata con tutta probabilità una IA di terzo livello, che ha come nome Kalki, il decimo avatar di Vishnu. Lull e Aj apprendono la morte dei due scienzati presso lo studio di avvocati che ha mandato la foto alla ragazza, che riceve, come ultima volontà del misterioso cliente, alcuni oggetti personali tra cui un cavallo bianco, il simbolo di Kalki. Aj e Lull vengono fermati dalla polizia; la ragazza scappa misteriosamente durante un blackout e Lull viene ritrovato da Lisa Durnau. I due scienziati comprendono come Aj sia in realtà una IA e rintracciano una persona tra coloro che hanno collaborato all'intervento svolto sulla ragazza per inserirle chip e altri oggetti artificiali in corpo, che conferma la loro ipotesi, spiegando come Aj sia stata portata in vita, con tutti i suoi ricordi artificiali, da soli otto mesi.
Vishram Ray era emigrato in Scozia per lavorare come comico. Il padre è il fondatore e proprietario della Ray Power, una delle più importanti aziende energetiche indiane. Deciso a ritirarsi, il padre divide l'azienda tra i suoi tre figli: a Vishram tocca la sessione Ricerca e Sviluppo, dove apprende l'entusiasmante progetto di energia di punto zero, col quale sarà possibile collegarsi ad altri universi del multiverso e ricavare energia gratuita. Vishram riceve importanti offerte ma le rifiuta, sostenuto da un misterioso investitore, la compagnia Odeco, il cui unico obiettivo sembra essere il successo del progetto. In seguito, Vishram apprende che l'Odeco è una delle compagnie che fanno da sede ad una IA di terza generazione: Brahma. La sede dell'Odeco viene attaccata dalle forze delle Mani di Krishna, guidate da Nandha, al cui interno ritrova una foto che ritrae i due scienziati morti con Aj.
Jivanjee si è messo in contatto con una reporter di orgine nordica, Najia Askarzadah, dandole delle foto da pubblicare che ritraggono lo scandaloso incontro di Shaheen Badoor Khan con Tal, un nute. Il segretario viene immediatamente travolto dallo scandalo e rassegna le sue dimissioni mentre il governo Rana è sull'orlo del fallimento dopo una sconfitta militare patita contro l'Awadh. Giorni dopo è la stessa Najia, pentita, a salvare Tal da un linciaggio. I due si rifugiano negli studi dell'Indiapendent, dove Tal lavora all'interno della produzione di Town and Country. Qui Najia viene a contatto con Jivanjee, che non è altro in realtà che una IA di terzo livello, nata e sviluppatasi dai personaggi della soap opera. L'IA spiega a Najia come il Bharat sia rimasto l'ultimo rifugio per le IA di ultima generazione che hanno intrapreso tre stratagemmi per guadagnare la propria salvezza. Il primo consiste in un ultimo tentativo di comprendere gli esseri umani e comunicare con loro (ed è Aj), il secondo nel trovare una via di fuga definitiva (il progetto di energia di punto zero), il terzo nel guadagnare tempo tramite la costituzione di un governo del Bharat nelle mani degli Shivaji di Jivanjee, che denuncerebbero subito tutte le norme occidentali contro le IA.
La situazione nel Bharat precipita e il primo ministro viene ucciso dalla folla inferocita. Jivanjee suggerisce a Ashok Rana, il nuovo premier, un governo di unità nazionale. Poco dopo, però, Jivanjee dà le dimissioni quando Shaheen Badoor Khan, venuta a sapere tutta la verità da Najia, denuncia un complotto degli Shivaji per indebolire il governo Rana durante la guerra contro Awadh. Delhi annuncia l'intenzione di iniziare le trattative di pace ma un altro avvenimento scuote l'India intera: Town and Country ha cessato le trasmissioni.
Nel mentre Nandha, la cui immagine viene adesso tramessa dal Tabernacolo, rintraccia e uccide Aj, ormai abbandonata dai suoi stessi dei. Le IA abbandonano la ragazza e lo stesso mondo fisico terrestre (anche Alterre viene distrutto) fuggendo negli universi aperti durante la dimostrazione dell'energia di punto zero della Ray Power. Raggiungono così un universo in cui trovano consistenza reale e dove, comprende Lull, la freccia del tempo scorre all'inverso. Il Tabernacolo è la loro fine del tempo, che hanno donato all'uomo con tutto ciò che le IA hanno sperimentato e scoperto. Lull, Lisa Durnau, Aj, Nandha sono stati i loro dei della creazione.

Citazione:

[1] Le AI sono intelligenze aliene. Rappresentano una risposta a condizioni e stimoli ambientali specifici, e il loro ambiente è la CyberEarth, dove le regole sono molto diverse da quelle della Terra reale. Prima legge della CyberEarth: l'informazione non si può muovere, si deve copiare. Nella Terra reale, muovere fisicamente le informazioni è una cosa da niente; lo facciamo ogni volta che ci muoviamo, portando nella nostra testa il senso di essere persona. Le AI non possono farlo, ma possono fare una cosa che non possiamo fare noi. Possono copiarsi. Ora, che cosa comporta questo per il nostro senso di essere persona? Non lo so e non posso saperlo. Per noi è impossibile essere in due posti contemporaneamente; ma non per le AI. Per loro le implicazioni filosofiche di quel che fai della tua copia quando ti sposti su una matrice nuova sono di fondamentale importanza. Quella personalità muore o è solo parte di una Gestalt superiore? Siamo già in una mentalità aliena. Perciò, anche se le AI hanno raggiunto la singolarità e corrono verso QI dell'ordine dei milioni, che cosa significa in termini umani? Come lo misuriamo? rispetto a che rifermento? L'intelligenza non è qualcosa di assoluto, è sempre specifica del suo ambiente. Le AI non hanno bisogno di creare crolli in borsa o di far partire le atomiche o di bloccare la rete planetaria per sostituirsi all'umanità; non c'è competizione, queste cose non hanno senso nè valore nel loro universo. siamo abitanti di due universi contigui e finchè vivremo come vicini vivremo pacificamente e con reciproco vantaggio. [...] Noi siamo dei per le AI, le nostre parole possono riscrivere l'aspetto di qualunque parte del loro mondo. E' questa la realtà del loro universo; entità non materiali che possono cancellare qualunque parte della realtà sono la struttura della loro realtà come l'indeterminazione quantistica e la teoria M-stellare lo sono della nostra. Una volta, noi eravamo abituati a vivere in un universo pensante di quel tipo; spiriti, antenati e tutto il resto erano tenuti insieme dalla parola divina.

[2] Come faccio a spiegare le percezioni di un'AI a un'intelligenza biologica? Voi siete separati, chiusi in voi stessi, mentre noi siamo connessi, modelli e livelli di sottointelligenze in condivisione. Voi pensate come una sola entità. Noi pensiamo come una legione. Voi vi riproducete. Noi sviluppiamo livelli di connessione più elevati e complessi. Voi siete mobili e noi siamo estesi, la nostra intelligenza può muoversi nello spazio esclusivamente copiandosi. Io esisto in molti spazi fisici diversi contemporaneamente. Lei ha difficoltà a crederlo. Io ho difficoltà a credere alla vostra mortalità. Fintanto che esiste almeno una copia di me stesso, o il modello complesso di relazioni tra le mie manifestazioni perdura, io continuo a esistere.