Condividi
Tweet
Titolo Autore Genere Anno Voto
Cerca per:

 

E-DOLL

Idea: 4/5 Trama: 4/5 Stile: 4/5

Titolo Originale: E-DOLL
Autore: Francesco Verso
Anno: 2009
Genere: FS Sociologica
Edizione: Mondadori – Urania n.1552

 

Commento:
Un romanzo coraggioso, profondo e originale, che delinea i possibili tratti di una società futura, partendo dai presupposti della nostra. Molto bello l'intreccio dell'umano che ormai dipende dagli e-dolls, la ragazzina disadattata che trova più comprensione e umanità negli e-dolls che nei suoi simili e Angel, l'e-doll che si scopre umano, forse suo malgrado. Interessante poi il tema del controllo sociale mediante la liberalizzazione del sesso-violenza grazie agli e-dolls, anzi questo è un tema che forse avrebbe meritato un approfondimento più oculato, ma forse non era nelle intenzioni dell'autore. Si parla, certo, anche di sesso, che sicuramente ha una parte rilevante ma non compiacente nel romanzo, il quale non è che l'aspetto più esteriore usato da Verso per descrivere il dramma di una società che ha un terribile bisogno di esperienze vere, vitali e concrete, le quali però non gli sono più concesse se non nell'evasione permessa dalla figura amata / odiata degli e-dolls, i quali finiscono giustamente per diventare creature molto più complesse e centrali per l'equilibrio della società stessa. 
Ci sono altre idee ben sviluppate nel romanzo, come quelle della coscienza artificiale che rivendica il proprio spazio nella realtà umana, che per quanto classiche qui non sfigurano, anzi fanno da ottimo contrappunto alle altre tematiche più innovative. Ottimo anche l'accenno finale alla sopravvivenza fuori dal corpo e oltre la materia. 
In complesso, un meritato premio Urania 2008.

Trama (attenzione spoiler!):
Mosca, 2053. L'ispettore Igor Gankin, indagando su un omicidio, scopre che la vittima è in relatà un e-doll: un androide ideato dalla ditta Silitron per soddisfare ogni tipo di piacere umano. Siccome gli e-dolls sono macchine pressoché immortali e in grado di autoripararsi dopo ogni situazione, si tratta di un caso veramente anomalo. 
Gli e-dolls sono amati, odiati, creano dipendenza e alti profitti ed hanno finito per cambiare profondamente tutta la società. La loro funzione, dapprima di semplici oggetti sessuali o di sfogo per la violenza e la perversione, ha finito per ridurre notevolmente la criminalità e ha creato nuove forme di divertimento. 
L'indagine di Gankin si intreccia con la vicenda di Angel, modello avanzatissimo di e-doll, di Maya, adolescente disadattata e attratta dagli e-dolls, presso i quali si trova più a suo agio che con gli umani, e di Grigorij Kursilov, l'ideatore degli e-dolls, il cui rapporto con la Silitron si è evoluto in maniera poco chiara. 
Sarà la storia nata fra Maya ed Angel, in una complessa vicenda di crescita individuale e di amore, a guidare il lettore verso un finale sorprendente e tutto sommato ottimista.

Scheda realizzata da: BERGELMIR